giovedì 14 febbraio 2019

USA, PARLAMENTARI DEMOCRATICI: "IL CONGRESSO SI OPPORRA' AD UN INTERVENTO MILITARE IN VENEZUELA".


I parlamentari democratici hanno dichiarato che il Congresso si opporrà all'intervento militare degli Stati Uniti in Venezuela e hanno messo in discussione la credibilità dell'inviato speciale in Venezuela del presidente Donald Trump, Elliott Abrams, visto il suo passato (LINK). Scintille durante l'audizione.

Il presidente dem della commissione Affari Esteri della Camera dei rappresentanti, Eliot Engel, ha espresso preoccupazione per le parole di Trump secondo cui l'azione militare è un'opzione in Venezuela, dove il presidente Nicolas Maduro è sottoposto a forti pressioni internazionali per farsi da parte e l'economia del paese è nel caos. E ha aggiunto: "Voglio chiarire ai tutti che l'intervento militare degli Stati Uniti non è un'opzione", ha detto Engel in un'audizione sull'OPEC.

Secondo la legge degli Stati Uniti, è il Congresso e non il presidente che deve approvare un'azione militare. Durante l'audizione, i dem hanno insistito con Abrams circa le sue posizioni interventiste, ma le domande sulla sua credibilità hanno provocato gli scambi più accesi.
Abrams è stato condannato nel 1991 per aver nascosto informazioni al Congresso durante lo scandalo Iran-Contra, in cui funzionari statunitensi hanno segretamente facilitato la vendita di armi all'Iran e finanziato i ribelli che combattevano il governo di sinistra del Nicaragua. Fu perdonato dal presidente
George H.W. Bush.

Joaquin Castro ha chiesto ad Abrams se fosse a conoscenza di trasferimenti in Venezuela di armi o attrezzature militari da parte del governo degli Stati Uniti a gruppi contrari a Maduro. Abrams ha risposto che non lo era. "Ho fatto questa domanda perché lei è conosciuto per questo tipo di azioni", ha detto Castro. "Possiamo fidarci della sua testimonianza oggi?"

La rappresentante Ilhan Omar, con cui Abrams è stato particolarmente nervoso, ha discusso il sostegno degli Stati Uniti agli anti-comunisti in America centrale durante la Guerra Fredda e ha citato il massacro di El Mozote del 1981 in El Salvador che Abrams aveva definito propaganda di sinistra. "Ha intenzione di sostenere una fazione armata in Venezuela che si macchi di crimini di guerra, crimini contro l'umanità o genocidio se ritiene che serva agli interessi degli Stati Uniti come ha fatto in Guatemala, in El Salvador o in Nicaragua?" ha chiesto Omar. "Non ho intenzione di rispondere a questa domanda", ha risposto Abrams "Si tratta di un attacco personale".

Durante l'audizione sono scoppiate contestazioni: "Sei un criminale condannato!" ha gridato un uomo ad Abrams prima di essere scortato fuori.

Abrams ha ribadito che Washington manterrà la pressione su Maduro "con diversi mezzi. Ma forniremo appoggio a coloro che faranno ciò che è giusto per il popolo venezuelano", ha detto Abrams.

Engel ha avvertito dei possibili effetti sul popolo venezuelano cuasati dalle sanzioni statunitensi sulla compagnia petrolifera statale PDVSA: "la Casa Bianca deve riflettere sulle potenziali ripercussioni che queste sanzioni potrebbero avere sul popolo venezuelano se Maduro non lascia l'incarico nelle prossime settimane".



(Reuters LINK)

Nessun commento:

Posta un commento

L'AMBASCIATORE DEL VENEZUELA A ROMA RASSEGNA LE SUE DIMISSIONI.

Julián Isaías Rodríguez Díaz ha rassegnato le sue dimissioni da ambasciatore del Venezuela a Roma. Giurista, accademico, politico, diplo...