lunedì 11 febbraio 2019

ONU: NEGLI USA CI SONO PIU' POVERI CHE IN VENEZUELA, MA NESSUNO INVIA GLI AIUTI UMANITARI.


ONU: ci sono più poveri negli USA che in Venezuela. Circa 40 milioni vivono in povertà, 18,5 milioni in condizioni di estrema povertà e 5,3 milioni vivono in condizioni di estrema povertà tipiche del terzo mondo.
nel paese più ricco del mondo. Quanti milioni di dollari dobbiamo inviare al confine del Messico?

Philip G. Alston, relatore del rapporto sulla povertà estrema e sui diritti umani dell'ONU nel 2017, sottolinea i principali problemi: la crescente disuguaglianza, la persistenza del razzismo o l'esistenza di un pregiudizio del potere capitalista verso i più poveri e i più svantaggiati.  Ecco i 7 punti della relazione:


1.- Il sogno americano è un'illusione
"I difensori dello status quo guardano agli USA come una terra di opportunità e un luogo in cui il sogno americano può diventare realtà perché i più poveri possono aspirare a raggiungere il gruppo dei ricchi". "Ma la realtà è molto diversa: gli Stati Uniti hanno ora uno dei più bassi tassi di mobilità sociale intergenerazionale tra i paesi ricchi". “L'uguaglianza di opportunità, che è così valutata in teoria, nella pratica è un mito, specialmente per le minoranze e le donne, ma anche per molte famiglie di lavoratori della classe media bianca"


2.- Povero cattivo, ricco buono

L’immagine "caricaturale" delle presunte differenze tra ricchi e poveri che vengono diffuse "da alcuni politici e dai media americani" disegnano "i ricchi come lavoratori, imprenditori, patrioti e promotori del successo economico. I poveri invece sono pigri, perdenti e imbroglioni. Di conseguenza, (si considera che) i soldi spesi per il benessere sociale siano soldi buttati". "La realtà, tuttavia, è molto diversa. Molti dei più ricchi non pagano le tasse allo stesso ritmo in cui lo fanno gli altri, accumulano gran parte delle loro fortune in paradisi fiscali e ottengono i loro profitti solo dalla speculazione, invece di contribuire alla ricchezza generale della comunità americana ". "In ogni società ci sono quelli che abusano del sistema, sia ai livelli più alti che più bassi. Ma, in realtà, i poveri sono per lo più quelli nati in povertà, o che sono caduti in povertà a causa di circostanze che hanno ampiamente superato il loro controllo, come malattie mentali e fisiche". Questi pregiudizi su ricchi e poveri si riflettono nelle scelte politiche.
Alston sottolinea, ad esempio, che "uno degli argomenti principali per guidare i tagli alle prestazioni sociali sono le accuse ai poveri di operare frodi nell'uso di queste prestazioni”, mentre in ambito fiscale si parte dal principio opposto: la fede nella buona volontà e nell'altruismo dei ricchi.

3.- Poveri dipendenti

Uno degli argomenti usati negli USA da coloro che sostengono tagli alle prestazioni sociali è che i poveri dovrebbero smettere di dipendere dagli aiuti e mettersi al lavoro. Questo perché "si presume, soprattutto in un'economia progressista, che ci siano molti posti di lavoro in attesa di essere occupati da individui con poca istruzione, che spesso hanno delle disabilità a diversi livelli, a volte sono accusati di precedenti penali (spesso legati alla povertà) e un basso accesso al sistema sanitario. Nonostante il lavoro, molte famiglie hanno bisogno di buoni alimentari per sbarcare il lunario". "In realtà, il mercato del lavoro per queste persone è molto limitato e, ancor più, per coloro che non hanno alcuna forma di sostegno e protezione sociale". "Questo dimostra l'inadeguatezza della strategia di combattere la povertà scommettendo solo sul lavoro senza il sostegno delle politiche sociali". Alston fornisce come esempio, il caso dei lavoratori di Walmart, il più grande datore di lavoro negli Stati Uniti: "Molti dei lavoratori non possono sopravvivere, avendo un lavoro a tempo pieno, se non ricevono i buoni pasto. Ciò si inserisce in una tendenza più ampia: la percentuale di famiglie che, pur avendo entrate, ha ricevuto assistenza alimentare è passata dal 19,6% nel 1989 al 31,8% nel 2015".

4.- Giustizia, una fonte di reddito

Uno dei meccanismi che ostacolano il progresso dei più poveri è la grande quantità di multe e tasse che si applicano a coloro che commettono piccole infrazioni e che si accumulano per diventare un enorme peso per loro. Se non paghi le multe ti viene sospesa la patente. In un paese autocentrico che si è rifiutato di investire nel sistema di trasporto pubblico è un dramma. Si tratta dunque di una pratica diffusa in tutto il paese quella di usare sistemi legali per aumentare le entrate e non per promuovere la giustizia. In questo modo si tengono "i poveri in povertà generando flussi di cassa che finanziano non solo il sistema giudiziario ma molti altri programmi" a cui i poveri non hanno accesso.


5.- La criminalizzazione dei poveri

Tra i fallimenti del sistema giudiziario, il rapporto evidenzia che i senzatetto vengono criminalizzati semplicemente a causa della loro condizione. "Dormire allo scoperto, sedersi in luoghi pubblici, mendicare, urinare in pubblico e innumerevoli altre infrazioni sono state progettate per attaccare" la piaga "dei senzatetto".  Solo nella zona di Skid Row, nel centro di Los Angeles, ci sono circa 1.800 senzatetto che hanno solo 9 bagni pubblici, un numero che non soddisfa nemmeno gli standard ONU per i campi profughi siriani e per situazioni di emergenza.  "Punire e imprigionare i poveri è la risposta tipicamente americana alla povertà nel 21 ° secolo". "L'imprigionamento di massa è usato per rendere temporaneamente invisibili i problemi sociali e creare l'illusione che qualcosa sia stato fatto".

6.- Disuguaglianza estrema

Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti sono il paese più ricco con i più alti livelli di disparità di reddito e ricchezza. L'1% più ricco è passato dal possedere il 10% di tutto il reddito nazionale nel 1980 al 20% nel 2017. Nel caso dell'Europa, tale indicatore è passato dal 10% al 12% nello stesso periodo.
Alston fa espressamente riferimento al fatto che la fortuna dei membri  del governo  Trump ha raggiunto il valore di $4,3 MLD.  Il segretario all'istruzione, Betsy DeVos, è uno dei membri più ricchi del gabinetto di Trump. "L’estrema disuguaglianza si traduce nel trasferimento del potere economico e politico a un pugno di persone, che lo useranno inevitabilmente per promuovere i propri interessi". "L'elevata disuguaglianza indebolisce la crescita economica. Si manifesta in bassi livelli di istruzione, in un sistema sanitario inadeguato e nell'assenza di protezione sociale per la classe media e i poveri, che a sua volta limita le loro opportunità economiche e inibisce la crescita complessiva".

7.- L'eredità della schiavitù

Gli USA rimangono una società cronicamente segregata. Quando si pensa ai poveri si cade spesso in stereotipi razziali. "La realtà è che ci sono 8 milioni di bianchi più poveri dei poveri neri. Il volto della povertà negli Stati Uniti non è solo nero o ispanico, ma anche bianco, asiatico e di molte altre origini". Gli afroamericani, in generale, sono ancora in ritardo sugli indicatori di benessere. Hanno una probabilità 2,5 volte maggiore rispetto ai bianchi di vivere in povertà, un tasso di mortalità infantile 2,3 volte superiore. Il loro livello di disoccupazione è doppia rispetto ai bianchi e di solito guadagnano solo 82,5 centesimi per ogni dollaro che ottengono. Inoltre, il tasso di incarcerazione è 6,4 volte più alto. "Queste statistiche vergognose possono essere spiegate solo dalla persistente discriminazione strutturale basata sulla razza, che riflette il retaggio della schiavitù", conclude Alston.



(Sintesi e traduzione da: https://www.chileokulto.cl/hablemos-ayuda-humanitaria-la-propia-onu-indica-que-hay-mas-pobres-en-eeuu-que-en-venezuela-unos-40-millones-viven-en-pobreza-185-millones-en-pobreza-extrema-y-53-millones-viven-en-condiciones-d/?cn-reloaded=1&cn-reloaded=1)

Nessun commento:

Posta un commento

SAMUEL MONCADA, AMBASCIATORE PRESSO L'ONU DEL VENEZUELA. "ABBIAMO UNA VERA EPIDEMIA DI AUTOPROCLAMAZIONI!"

"Oggi sono all'OAS (Organizzazione degli Stati Americani) per raccontare al mondo la nostra verità. È stata costruita una montag...